Metodo ROPA

COS’È?

In Ovoclinic ti offriamo l’esperienza della maternità condivisa: il Metodo ROPA permette a una coppia composta da donne di condividere un trattamento di riproduzione assistita, una delle madri è quella che fornisce l’ovocita e l’altra madre quella gestante.

DI COSA SI TRATTA?

Il metodo ROPA (ricezione di ovociti della coppia) permette a due donne sposate di partecipare attivamente alla gravidanza, facendo in modo che una sia la madre genética ed una la madre biológica.

Questo método consiste in un trattamento di fecondazione in vitro in cui vengono utilizzati gli ovociti di una delle madri e l’utero dell’altra, partecipando entrambe al processo, con il fine di ottenere una gravidanza a termine e, conseguentemente, un bebè.

passaggi

La donna che fornirà gli ovociti deve essere sottoposta a stimolazione ovarica per far crescere più ovociti invece di uno solo, come accadrebbe in un ciclo naturale. Per fare ciò è necessario somministrare iniezioni sottocutanee di ormoni su base giornaliera. Effettueremo periodicamente controlli ecografici ed esami del sangue per valutare la maturazione degli ovociti. Il trattamento di solito dura circa dodici giorni.

Quando vediamo dall’ecografia che gli ovociti sono maturi, viene programmata la puntura ovarica. Questo intervento è una procedura semplice che si esegue in sala operatoria, con sedazione e normalmente non dura più di dieci o quindici minuti. Al termine, la paziente deve rimanere per circa 2 ore sotto osservazione in clinica e poi può tornare a casa mantenendo il riposo relativo per il resto della giornata.

Il nostro team di embriologia raccoglierà gli ovociti e, una volta selezionato il miglior donatore di liquido seminale, procederà con la fecondazione in vitro.

La scelta del donatore maschio segue rigorosi protocolli di selezione che consistono in test psicologici, fisici e analitici per escludere la presenza di malattie. Inoltre, si cerca la massima somiglianza fisica con la madre che porterà avanti la gravidanza (l’altra fornisce già le sue informazioni genetiche nell’ovocita).

Dopo la fecondazione, gli embrioni rimangono in appositi incubatori all’interno del laboratorio, utilizzando terreni di coltura studiati per garantirne il corretto sviluppo. Durante tutto il processo, gli embriologi analizzano la morfologia ed il numero di cellule per determinare la qualità di ogni embrione. Gli embrioni rimangono in questi incubatori da cinque a sei giorni, fino a raggiungere lo stadio di blastocisti.

Un’altra parte molto importante del successo del trattamento è la sincronizzazione dello sviluppo embrionario in laboratorio con la preparazione dell’endometrio (tessuto all’interno dell’utero dove l’embrione deve impiantarsi). La madre ricevente deve sottoporsi a un trattamento ormonale che prepara l’utero a ricevere l’embrione. È un trattamento molto semplice con farmaci disponibili per via orale, transdermica o vaginale. Tutto il trattamento sarà guidato dai nostri medici, che avranno il compito di risolvere ogni dubbio che possa sorgere durante il processo.

Attraverso il trasferimento di embrioni, depositiamo un embrione all’interno dell’utero. Una procedura semplice e completamente indolore.

Lo stesso giorno del trasferimento, se sono presenti più embrioni che hanno raggiunto lo stadio di blastocisti di buona qualità, quelli che non vengono trasferiti sono congelati tramite un processo di vitrificazione, per poter essere trasferiti successivamente in un ciclo successivo senza necessità di stimolazione o puntura ovarica.

Fra 10 e 12 giorni dopo il trasferimento, eseguiremo un esame del sangue per determinare la presenza di un ormone, la beta-HCG, che ci dirà con certezza se la gravidanza desiderata è stata raggiunta.

In caso di residenza in un altro paese, è possibile effettuare tutti i controlli con un ginecologo di fiducia e venire direttamente in Ovoclinic il giorno del prelievo e 5 giorni dopo per il transfer embrionario.

come DECIDeRe

La decisione su quale ruolo dovrà avere ciascuna di voi, cioè chi fornirà gli ovociti e chi porterà in grembo il bambino, spetta alla coppia. In molti casi, entrambe vogliono essere madri ma solo una ha il desiderio di vivere una gravidanza. Quando siano entrambe a desiderarlo e l’intenzione sia di avere solo un figlio, il ginecologo può consigliare in base alle caratteristiche di ognuna quale sia l’opzione migliore per massimizzare le possibilità.

Per molte coppie è il metodo perfetto in quanto permette di coinvolgere biologicamente entrambe le madri, anche se ovviamente la biologia non è necessaria perché un bambino nato in una famiglia di due madri sia figlio di entrambe come nel caso del metodo ROPA.

FAQ

DOMANDE freQuentI
  • Nel caso in cui si desideri una seconda gravidanza con embrioni congelati attraverso un trattamento ROPA precedente, la madre gestante dev’essere la stessa che nel primo trasferimento?

Nel caso del trattamento ROPA gli embrioni sono della coppia, quindi gli embrioni possono essere trasferiti a una qualsiasi delle due madri, sempre che non presentino controindicazioni per una gravidanza.

  • Cosa dice la legge spagnola sulla maternità di coppie omosessuali? Che requisiti legali ha il ROPA?

Quando una coppia di lesbiche realizza un trattamento di fecondazione assistita e ha un bambino, entrambe saranno riconosciute legalmente come madri, sempre che siano sposate. Nel caso di coppie non sposate o coppie di fatto, allo stato attuale sarà possibile riconoscere come madre solo colei che nella coppia ha dato alla luce il bambino, e la madre non gestante dovrà realizzare un processo di adozione per essere riconosciuta legalmente come madre.

Nel caso si desideri realizzare un trattamento ROPA, è obbligatorio il matrimonio tra le due donne.

CONTROLLA LE NOSTRE TARIFFE
O

voclinic ha aperto i battenti nel gennaio 2019, quindi non ci sono ancora dati sufficienti per poter elaborare una statistica significativa. Le percentuali di successo indicate corrispondono a quelle della nostra sede di Marbella. Le percentuali presentate in questa sezione sono state così suddivise:

Beta-hCG positiva: elaborato sul livello dell’ormone beta-hCG (β-hCG) nel sangue misurato da 10 a 12 giorni dopo il trasferimento dell’embrione. Questo ormone prodotto dall’organismo dopo l’impianto dell’embrione nell’utero è considerato un indicatore precoce dell’esistenza della gravidanza molto sensibile e specifico.

Gravidanza clinica: intorno alla quinta settimana di gestazione compare il sacco gestazionale, una piccola cavità di circa due millimetri che circonda l’embrione. La sua presenza nella prima ecografia è segno che l’embrione si è impiantato con successo nell’endometrio.

Tasa SEF: La Società Spagnola di Fertilità (SEF) è una società scientifica senza scopo di lucro la cui finalità è di promuovere studi relativi alla fertilità e alla riproduzione umana assistita. Questa società scientifica pubblica un rapporto annuale con le percentuali di successo dei diversi trattamenti di riproduzione assistita sulla base dei risultati ottenuti dalle cliniche spagnole per la fertilità. I dati qui riportati provengono dall’ultimo rapporto pubblicato dalla SEF.

TASAS EMBARAZO CLÍNICO
0%
TASA BETA - HCG
0%
TASAS EMBARAZO CLÍNICO SEF
0%