Scroll Top

Intervista sulla fertilità e l’età avanzata – Dott.ssa Micaela Fernández

Entrevista

Il 4 giugno, diverse iniziative sono state portate avanti in Ovoclinic per la Giornata Mondiale dell'(in)fertilità. Una data in cui ogni anno si pone l’accento sulle patologie e le difficoltà che molte donne o coppie attraversano nel loro percorso verso il concepimento e la gravidanza. Come azione informativa e divulgativa, abbiamo parlato di fertilità ed età avanzata con la ginecologa Micaela Fernández, specialista in riproduzione assistita e trattamenti complessi presso  Ovoclinic Marbella.

PER DIVERSI MOTIVI PERSONALI E SOCIOLOGICI, LE DONNE O LE COPPIE POSTICIPANO IL MOMENTO PER CREARE UNA FAMIGLIA. IN BASE ALLA SUA ESPERIENZA NELLA RIPRODUZIONE ASSISTITA, QUAL È DI SOLITO L’ETÀ MEDIA DELLE PAZIENTI PER INIZIARE IL TRATTAMENTO?

Nell’ultimo decennio e nella mia esperienza, l’età di insorgenza è di solito di 38-40 anni. Nella maggior parte dei casi, questa età è legata alla stabilità economica, lavorativa e personale sia delle donne che degli uomini, anche se troviamo donne o coppie che da anni cercano di raggiungere una gravidanza in modo naturale, ma che non ci sono riuscite per motivi che devono essere diagnosticati da uno specialista della fertilità.

QUANDO È CONSIGLIABILE VISITARE LO SPECIALISTA DELLA FERTILITÀ PER LA PRIMA VOLTA?

Si consiglia di consultare lo specialista nelle situazioni di quelle coppie di età inferiore ai 35 anni che non hanno ottenuto una gravidanza dopo aver avuto rapporti sessuali non protetti per un anno. Se la coppia ha più di 35 anni e ci prova da sei mesi senza successo, dovrebbe  sottoporsi a un consulto specialistico in riproduzione assistita.

D’altra parte, ci sono anche altre circostanze come le seguenti:

  1. Donne con cicli mestruali irregolari
  2. Coppie in cui un membro ha subito un intervento chirurgico ginecologico
  3. Coppie in cui un membro ha sofferto di una malattia oncologica
  4. Donne con due o più aborti spontanei alle spalle
  5. Coppie in cui un membro è affetto da una malattia genetica
  6. Uomini con una storia di varicocele, chirurgia o trauma ai testicoli
LA BASSA RISERVA OVARICA È DI SOLITO IL FATTORE PIÙ COMUNE DOPO I 35 ANNI, MA QUALI ALTRE PATOLOGIE RIPRODUTTIVE SONO COMUNI A UNA CERTA ETÀ?

È vero che, a partire dai 35 anni, la bassa riserva ovarica e la bassa qualità degli ovociti sono due delle cause più comuni di infertilità, che si manifestano non solo con problemi nel raggiungere una gravidanza, bensì nel momento in cui la donna resti incinta, possono portare ad aborti spontanei o ad un aumento del rischio di sviluppare embrioni con alterazioni genetiche. Grazie ai trattamenti di riproduzione assistita e a diverse tecniche di analisi embrionale come la Diagnosi Genetica Preimpianto (PGD), è possibile aggiungere una gravidanza e che il bambino sia sano.

LA DONAZIONE DI OVULI È UNO DEI TRATTAMENTI CON LE PIÙ ALTE PERCENTUALI DI SUCCESSO, GRAZIE AL FATTO CHE LA FECONDAZIONE IN VITRO VIENE EFFETTUATA CON OVULI DI UNA DONATRICE GIOVANE E SANA. IN QUALI CASI SI DEVE RICORRERE ALLA DONAZIONE DI OVULI?

Il passaggio dalla fecondazione in vitro alla donazione di ovuli è evidente quando troviamo  pazienti con precedenti fallimenti della fecondazione in vitro, come fallimenti di impianto o aborti ricorrenti, pazienti con rischio genetico noto a causa di  una malattia genetica, pazienti con insufficienza ovarica dovuta all’età o quando è precoce.

L’ENDOMETRIOSI È UNA CONDIZIONE SEMPRE PIÙ COMUNE DEGLI ORGANI RIPRODUTTIVI DI UNA DONNA, CHE COLPISCE COMUNEMENTE LE OVAIE, LE TUBE DI FALLOPPIO E LA CAVITÀ PELVICA IN GENERALE. A CHE ETÀ È PIÙ COMUNE RICEVERE UNA DIAGNOSI E IN CHE MODO LA RIPRODUZIONE ASSISTITA PUÒ ESSERE D’AIUTO?

 L’endometriosi è la causa più comune di dolore pelvico durante le mestruazioni e i periodi al di fuori di queste. Questa malattia può anche causare dolore durante i rapporti sessuali. Di solito compare nell‘età fertile di una donna, tra i 25 e i 40 anni. Tra le altre cose, può causare cisti nelle ovaie o alterazioni nella cavità pelvica. Grazie ai vari trattamenti di riproduzione assistita, molte pazienti riescono a superare gli ostacoli presentati dalla malattia come la presenza di cisti nelle ovaie, che possono portare a una bassa riserva ovarica o alla presenza delle proprie aderenze causate dall’endometriosi e che, a volte, incidono direttamente sulla fecondazione.

SE UNA DONNA in età avanzata STA PASSANDO ALLA MENOPAUSA (PERIMENOPAUSA), PUÒ DIVENTARE MADRE ATTRAVERSO LA RIPRODUZIONE ASSISTITA?

Sì. In questo caso particolare, il trattamento di riproduzione assistita che l’aiuterebbe a diventare madre sarebbe la donazione di ovuli o ovociti. Si tratta di un processo che assomiglia alla fecondazione in vitro, ma con la differenza che, in questa procedura, la fecondazione viene effettuata con ovuli di una donatrice anonima. In Ovoclinic collaboriamo con Ovobank  (banca degli ovuli) per trovare la donatrice ideale per ogni paziente. La percentuale di successo di questo trattamento è di circa l’80% al primo tentativo.

Post Correlati