Scroll Top

Trasferimento di embrioni: ciclo naturale o sostituito?

transferencia embriones ovoclinic

Il trasferimento embrionale è uno degli ultimi passaggi del trattamento di fecondazione in vitro (FIV), quindi non è qualcosa che può essere lasciato al caso. È molto importante avere un endometrio recettivo che favorisca l’impianto. Per la sua preparazione al transfer disponiamo di due diverse procedure: ciclo naturale e ciclo sostituito.

CHE COS’È IL TRASFERIMENTO EMBRIONALE E COME VIENE ESEGUITO?

Una volta estratti gli ovuli della donna, questi vengono fecondati in laboratorio e uno o due degli embrioni risultanti vengono trasferiti nell’utero materno per essere impiantati e dare inizio alla gravidanza.

Si tratta di una procedura veloce e indolore che non richiede anestesia o ricovero ospedaliero. Con l’aiuto di un catetere sottile e attraverso un’ecografia addominale, il ginecologo deposita gli embrioni nell’utero. La paziente deve stare a riposo solo per circa 10 minuti e poi può tornare a casa e condurre una vita normale, evitando gli sforzi inutili.

Perché la preparazione endometriale è così importante?

L’endometrio è responsabile dell’impianto dell’embrione e quindi della gravidanza desiderata. Ecco perché la preparazione dell’endometrio è tanto importante quanto ottenere embrioni di buona qualità. È evidente che, per raggiungere la gravidanza, è necessario ottenere buoni embrioni, ma se l’endometrio non è in condizioni ottimali per l’impianto, può provocare un fallimento di impianto o un aborto.

Pertanto, se l’endometrio non è nelle condizioni adeguate, non è consigliabile effettuare il trasferimento dell’embrione, ed è preferibile sospendere la preparazione ed aspettare il prossimo ciclo per ricominciare, puntando ad un miglior accrescimento endometriale. Solo così è possibile aumentare le possibilità di successo.

CICLO NATURALE O SOSTITUITO: IN QUALI CASI SONO RACCOMANDABILI?

Il trasferimento di embrioni congelati può avvenire in ciclo naturale o in ciclo sostituito. In generale, la differenza principale tra i due sta nel modo di eseguire la preparazione dell’endometrio, che è lo strato che riveste l’interno dell’utero e che consente all’embrione di essere impiantato senza problemi.

In un ciclo naturale, gli estrogeni naturali generati dall’ovaio vengono sfruttati, mentre in un ciclo sostituito, gli estrogeni vengono somministrati artificialmente attraverso determinati farmaci. La scelta dell’uno o dell’altro metodo sarà determinata dal medico, in base alle preferenze e alle caratteristiche della paziente e del tipo di cicli mestruali.

TRASFERIMENTO DI EMBRIONI IN CICLO NATURALE

Questo trattamento è completamente innocuo, in quanto evita i farmaci ormonali e sfrutta la crescita naturale dell’endometrio. È però necessario che ci sia funzione ovarica e che l’ovulazione sia normale, il che significa che deve avere cicli mestruali regolari tra 21 e 35 giorni.

Quando sono passati 10 giorni dall’ultima mestruazione, vengono eseguite diverse ecografie per controllare lo stato dell’endometrio e monitorare l’ovulazione per valutare quale sia il giorno migliore per effettuare il trasferimento.

Il principale vantaggio di questa procedura è che è più naturale, perché coincide con il ciclo biologico della donnadonna, quindi non presenta effetti collaterali. Ma è anche più economico, in quanto non è necessario somministrare alcun tipo di farmaco (estrogeni e progesterone). Normalmente, il trasferimento avviene tanti giorni dopo l’ovulazione quanti giorni di sviluppo ha l’embrione. Ad esempio, se l’embrione congelato è una blastocisti di 5 giorni, questo verrà trasferito nell’utero 5 giorni dopo l’ovulazione in ciclo naturale.

TRASFERIMENTO DI EMBRIONI IN CICLO SOSTITUITO

In questa procedura vengono utilizzati alcuni farmaci per effettuare il trasferimento di embrioni. Vengono somministrati ormoni esogeni, soprattutto estrogeni, per favorire la crescita dell’endometrio, e progesterone, per facilitare l’impianto dell’embrione. Entrambi permettono di controllare artificialmente il ciclo per aumentare le probabilità di gravidanza.

Questo tipo di tecnica è consigliato principalmente per le donne che non ovulano, che soffrono di insufficienza ovarica precoce (IOP) o che hanno cicli irregolari abbastanza spesso. È vero che comporta costi più elevati, ma presenta il vantaggio di essere più flessibile per quanto riguarda i controlli ecografici e consente di pianificare il trasferimento quando il paziente e il medico concordano.

Post Correlati